FORMAZIONE CONTINUA

Indietro

Programma modulare di post formazione Samatva

Luogo: Milano, Pontoglio (BS), Carpi (MO)
Data Inizio: 10.02.2019
Data Fine: 01.12.2019
Telefono: 335 7892956
E-mail: clementina.tedeschi@yogalaura.it

Programma modulare di post formazione Samatva

Organizzato da: Clemi Tedeschi

Condotto da: Gioia Lussana, Stefania Redini, Adriana Rocco, Clemi Tedeschi, Peggy Eskenazi

Numero di ore riconosciute: 67

Luogo di svolgimento: Milano, Pontoglio (BS), Carpi (MO)

 

• 10 febbraio con Stefania Redini a Milano presso Artè in via G. Meda, 25
• 30/31 marzo con Clemi Tedeschi a Pontoglio (BS) presso Aipy in V.le Dante 36/a
• 11/12 maggio con Stefania Redini a Pontoglio (BS) presso Aipy in V.le Dante, 36/a
• 9 giugno con Peggy Eskenazi a Milano presso Artè in via G. Meda, 25
• 14/15 settembre con Adriana Rocco a Carpi presso Mahayoga in via Vivaldi, 4
• 5/6 ottobre con Gioia Lussana a Pontoglio (BS) presso sede Aipy in V.le Dante, 36/a
• 30 novembre/1 dicembre con Gioia Lussana a Pontoglio (BS) presso Aipy in V.le Dante, 36/a

Orari: sabato dalle 11.00 alle 18.00 (pausa pranzo dalle 13.00 Alle 14.30) domenica dalle 9.30 alle 16.00 (pausa pranzo dalle 12.30 alle 14.00)

Stefania Redini 10 febbraio e 11/12 maggio
YOGA E' INTEGRAZIONE

Gli incontri si inscrivono in un percorso di esplorazione degli aspetti più densi, corporei, e degli aspetti
più sottili, mentali, del respiro.
Temi: i condizionamenti, anche “yogici”, del respiro; creazione e risoluzione di schemi respiratori; respiro nel movimento e in asana; corpo di energia; realizzare la base del pranayama, kumbhaka, senza sforzo. Nella prima giornata, l'esplorazione si indirizzerà soprattutto alla Unità Centrale del nostro corpo: la testa, il bacino, il tronco e in particolare la gabbia toracica. Nel secondo incontro l' esplorazione andrà al movimento delle quattro grandi articolazioni, per scoprire la loro fondamentale importanza per la libertà della Unità Centrale, e dunque del respiro.

Clemi Tedeschi 30/31 marzo
SAMATVA... E OGNI COSA SI RIDUCE A UNO E NOI DANZIAMO
L’obiettivo delle due giornate è “calare a terra” una visione con preparazioni che favoriscano l'immersione graduale nell'interezza, nel silenzio, nella esperienza Non Duale. Partendo dalla consapevolezza e dal rilascio delle tensioni -attraverso sequenze di riequilibrio posturale ed energetico, sblocchi articolari e respiratori, asana e kriya, mudra e bandha- per arrivare alla condizione di abbandono ed espansione.
Temi:
Esercizi di sblocco ispirati all’Antiginnastica di Thérèse Bertherat (introduzione per entrambe le giornate); esercizi respiratori per favorire lo svuotamento e la vonsapevolezza dei tre diaframmi e meditazione sui tre diaframmi ed il cuore (1°giorno); sequenze di asana e Kriya per liberare il tratto lombo-sacrale e meditazione su radicamento (1°-2° giorno);sequenze di asana e Kriya per liberare il tratto dorso-cervicale e rilassamento Shavayatra (2° giorno); sequenze di asana, bandha e pranayama per affinare la consapevolezza del corpo energetico (2 ° giorno)

Peggy Eskenazi 9 giugno
LA VISIONE DUALE E NON DUALE NEI SUTRA II 46, 47 e 48 DI PATANJALI  
Analisi del testo in cui vi sono tracce di entrambe le visioni. Analisi e trasposizione in pratica.

Adriana Rocco 14/15 settembre
NON DUALITA' NELLA VISIONE BUDDHISTA
Thich Nhat Hanh ci dona una nuova parola per esprimere questa realtà: “inter- essere”. “Noi non siamo soltanto, noi inter-siamo, perché tutto nell’Universo è collegato, tutto è interdipendente”. Questo è il cuore pulsante di tutti gli Insegnamenti e quindi di tutte le Pratiche di cui oggi abbiamo disperatamente bisogno per ritrovare salute e felicità nel corpo, nella mente, nello spirito.

Gioia Lussana 5/6 ottobre e 30 novembre/1 dicembre
LA VISIONE DEL CORPO SECONDO IL TANTRISMO NON DUALE
In due incontri seminariali teorico-pratici esploreremo le caratteristiche di questa visione più integrata del corpo secondo lo yoga non duale. Il percorso inizierà dalla sensazione della vitalità interna (la vibrazione chiamata spanda) che prende quindi la forma del respiro spontaneo e della sua naturale armonia simmetrica per diventare gesto fisico cosciente e fluido.
La nostra indagine si fonderà su pratiche originali della trasmissione kaśmīra e sull’esplorazione filosofica del vissuto da alcuni testi di riferimento: Vijñānabhairava-tantra, Śiva-sūtra, Spanda-kārikā, Parātriṃśikā-vivāraṇa.

CURRICULA INSEGNANTI:

Stefania Redini: incontra lo yoga alla fine degli anni ‘70 con Swami Gitananda Giri di Pondicherry. Negli anni ‘80 segue una formazione con Andrè Van Lysebeth e per il pranayama con Willy Van Lysebeth. Negli anni ‘90 frequenta in Francia l’Ashram di Arnaud Desjardins . Nel 2003 l’incontro con Eric Baret e lo Yoga Non Duale nella linea del tantrismo del Kashmir. Negli stessi anni inizia una formazione continua con Yolande Deswarte, co-fondatrice dell’Istituto Spiraldyamik di Zurigo. Insegna in corsi di postformazione e formazione per insegnanti di yoga.

Gioia Lussana: Docente yoga (Y.A.N.I.) e formatrice di insegnanti yoga. Laureata cum laude in Indologia con R.Gnoli e R.Torella. PhD (2015) presso l’Università Sapienza di Roma con una ricerca sullo yoga tantrico delle origini. Conduce corsi di yoga a Roma con l’U.P.S. Co-fondatrice dell'A.ME.CO nel 1987 con Corrado Pensa, per oltre 20 anni ha approfondito la meditazione vipassanā.

Adriana Rocco: dopo la formazione in India sotto la guida di TKV Desikachar intraprende lo studio sistematico degli Yoga Sūtra di Patañjali. Nel 1992, incontrando Thich Nhat Hanh, riconosce il valore sociale e terapeutico del suo insegnamento praticato nella vita quotidiana.Nel 2004 diventa insegnante di Dharma nel suo lignaggio. Oggi, attraverso “Il Corpo che Medita”, condivide la sua esperienza in percorsi di educazione alla salute e alla pace.

Clemi Tedeschi: insegnante riconosciuta dalla YANI, dal 2012 fondatrice dell'Associazione Italiana Pedagogia Yoga (AIPY) per la quale svolge il ruolo di coordinatrice e responsabile dei programmi di formazione, docente di didattica yoga dall'infanzia all'adolescenza, yoga e disabilità psico-fisica Yoga per Crescere , Asana e riequilibrio energetico Samatva Yoga L'Aura ®

Peggy Eskenazi: Pratica yoga dai primi anni settanta seguendo inizialmente l’insegnamento di vari insegnanti di hatha yoga. Quando la ricerca spirituale diventa centrale nella sua vita, inizia la formazione  come insegnante di yoga presso l'Associazione Italiana di Raja Yoga di Renata Angelini e Moiz Palaci. Il percorso, iniziato nel 1987 con una formazione quinquennale, e prosegue tuttora con una formazione continua. Presso questa Associazione è stata insegnante e referente per la meditazione mattutina dal 2000 al 2016. Si specializza nella pratica dello yoga in gravidanza attraverso il coordinamento e l'insegnamento di corsi di approfondimento riconosciuti dalla YANI (Associazione Nazionale Insegnanti Yoga)  inizialmente con un gruppo di studio e dal 2007 con cinque formazioni fino al 2016. Grazie alle sue conoscenze linguistiche, traduce seminari e formazioni pluriennali di insegnanti come Willy Van Lysebeth, Marc Beuvain in vari ambiti, inclusi i Yoga Festival. Insegna dal 2000 Raja Yoga, Meditazione,Yoga in Gravidanza e Post parto, Yoga per la terza età sia in corsi di gruppo, che in seminari residenziali.  Collabora con varie associazioni come docente in formazioni pluriennali. Ha collaborato con i centri diurni per disabili gestiti dal Comune di Milano e in centri privati. È coautrice del volume “Maschile e Femminile - Il riequilibrio delle polarità attraverso lo yoga” pubblicato nel 2017 dal Corriere della  Sera.